Alluce varo iatrogeno

   

L’alluce varo iatrogeno è una deformità caratterizzata da un varismo della falange sul primo metatarso metatarsale.

La difformità può essere conseguenza di interventi chirurgici correttivi del valgismo dell’alluce o esito di insuccessi chirurgici di correzione dell’alluce valgo.

Un ulteriore fattore predisponente è una sindrome pronatoria cioè un piede piatto in cui il metatarso è meccanicamente insufficiente, ipermobile ed elevato.


Sintomi e Diagnosi

Sintomo più evidente dell’ alluce varo è la sua deformità ovvero un alluce che appare molto più lontano rispetto alle altre dita del piede.

Tra gli altri possibili sintomi vi sono dolore cronico, difficoltà ad indossare scarpe o calze, difficoltà deambulatorie, unghie incarnite, gonfiore e dolore a piede e caviglia

La diagnosi di alluce varo può essere effettuata mediante il ricorso a esame clinico e radiografico.


Trattamento

Nel caso di un alluce varo con sintomatologia debole  è possibile ricorrere a un approccio non chirurgico (terapia conservativa) mediante assunzione di farmaci antinfiammatori, plantari personalizzati, sedute di fisioterapia.

Questi trattamenti possono ridurre i sintomi della deformità ma qualora la gravità della deformazione fosse maggiore potrà essere necessario un intervento chirurgico per ridurre ed eliminare disagio e sintomi associati.

La tipologia di intervento chirurgico varia a seconda di diversi elementi: età e sesso del soggetto, professione, pratica sportiva, eventuali precedenti operazioni, gravità della deformità e tempo per cui questa si manifesta.

In base a questo si possono distinguere quattro metodi correttivi:

  • Interventi sulle strutture  teno-capsulo-legamentose mediali
  • interventi sullo scheletro
  • interventi protesici
  • interventi di trasposizione tendinea